The e-magazine for KNX home & building control

Illuminazione: creare un’estetica sorprendente per la casa utilizzando KNX e nastri LED

Poiché il nastro LED è ormai onnipresente nei nuovi schemi di illuminazione, Simon Buddle spiega come combinarlo con la flessibilità di KNX possa portare a effetti sorprendenti e più economici rispetto ad altre soluzioni.

La lenta transizione verso i LED, direi, è praticamente completata. È da molto tempo che non vedo una lampada a incandescenza installata in una nuova casa. Abbiamo attraversato quegli anni inizialmente dolorosi in cui le varie nuove tecnologie cercavano di mettersi al passo l’una con l’altra. Prima abbiamo assistito all’avvento dei LED per l’illuminazione domestica, poi i produttori di sistemi di controllo dell’illuminazione hanno dovuto progettare e costruire nuovi attuatori di dimmerazione per il mercato.

Poi ci siamo resi conto che non tutti i LED si dimmerano bene, o addirittura non si dimmerano affatto in alcuni casi. Abbiamo avuto anni di lampade che sfarfallavano e di dimmerazione non regolare, ma che finiva, fase dopo fase, in quello che si può solo descrivere come una dimmerazione a gradini. E poi sono arrivati quei fastidiosi LED a filamento che sembravano essere un po’ troppo grandi. Molti di essi hanno un carico minimo così basso che, anche quando i dimmer sono spenti, la loro luminosità è minima.

Quanto in basso si può andare?

Nastri LED

Sicuramente uno dei maggiori cambiamenti a cui ho assistito negli ultimi cinque anni è la proliferazione dei nastri LED nelle abitazioni. In precedenza, l’unico modo per illuminare un soffitto a cassettoni di grandi dimensioni era quello di utilizzare tubi al neon o fluorescenti, nessuno dei quali emanava una luce particolarmente gradevole se confrontata con il costante bagliore giallo caldo delle alogene a 12 V. E spesso si notavano discrepanze di colore nel corso del tempo, con il lento decadimento dei tubi.

Il nastro LED, tuttavia, comporta una serie di sfide proprie, di cui abbiamo parlato l’anno scorso nell’articolo “Illuminazione residenziale: i vantaggi di utilizzare i driver KNX per i LED“. I driver e gli alimentatori devono essere presenti nello spazio, i cavi a 12 e 24 V devono essere considerati per la caduta di tensione e, di conseguenza, è necessario garantire il colore e la luminosità.

Uno dei maggiori cambiamenti degli ultimi anni è l’utilizzo di nastri LED in casa.

Cambiamento di colore

Ci sono tre aree in cui il cambio di colore può essere utilizzato in casa. Esaminiamoli:

Bianco Sintonizzabile

Questo funziona grazie alla presenza di LED gialli e LED blu/bianchi uno accanto all’altro. Quindi, utilizzando due serie di LED lungo la lunghezza di un singolo nastro, è possibile mescolare i due colori. Il principio del bianco sintonizzabile è molto semplice. È necessario un attuatore KNX DALI compatibile con DT8. Noti come DALI2.

L’attuatore Jung DALI2 DT8 è un esempio di gateway KNX utilizzato con un nastro LED bianco sintonizzabile.

In una recente installazione che abbiamo completato, tutti i nastri LED sono stati controllati da un unico cursore sull’interfaccia utente KNX, in modo che tutti i nastri della casa corrispondessero esattamente nel colore. La temperatura di colore del nastro può essere modificata da 2700K a 6500K con estrema facilità da parte dell’utente. Un aspetto da tenere in considerazione è la densità dei LED sul nastro. Maggiore è la densità, minore è la probabilità di vedere macchie sul nastro.

Grafico della scala della temperatura di colore Kelvin.

RGBW

Il cambio di colore è ormai facilissimo nel mondo KNX, con prodotti come Zennio Lumento che consente di collegare tutti e quattro i colori a un unico driver. Inoltre, esistono anche versioni che possono essere configurate per il bianco sintonizzabile o per quattro nastri LED indipendenti. Si tratta di un’ottima opzione quando si ha comunque bisogno di driver, quindi perché non portarli direttamente in KNX e risparmiare il costo del driver aggiuntivo? Il cambio di colore è una cosa, ma che ne dite di metterlo in musica?

Lo Zennio Lumento supporta il collegamento di tutti e quattro i colori a un singolo driver.

DMX

Il DMX512, come è ufficialmente noto, può fare esattamente questo. Qual è la differenza tra RGBW e DMX? Fondamentalmente, niente in termini di LED, anche se ci sono alcuni array di LED spettacolari per le performance sul palco. Il DMX è stato progettato per il palcoscenico e il teatro. La differenza sta nella velocità delle comunicazioni. Un controller DMX può reagire a velocità elevatissime, il che significa che può cambiare a tempo di musica. Se si abbina il DMX con il MIDI (Musical Instrument Digital Interface) si ottengono le basi degli strumenti che controllano le luci. Premendo un determinato tasto di un sintetizzatore, si accende una luce particolare. KNX può assolutamente controllare una configurazione DMX, ma se si desidera che i LED “ballino” a tempo di musica è necessario un qualche tipo di microfono o di linea audio in ingresso al DMX per far funzionare questa funzione. Vale la pena di discuterne con il cliente.

I LED possono “ballare” a tempo di musica.

Conclusioni

Per la maggior parte dei proprietari di case il LED è un affare fatto, e il cambio di colore può aggiungere qualcosa di speciale alla casa. Una delle grandi gioie di KNX è che può interfacciarsi con tutti i tipi di mondi o tecnologie; non siamo bloccati con un solo produttore o protocollo di comunicazione. Possiamo dialogare con DMX, sostituire i driver LED con le nostre versioni KNX, che sono molto più intelligenti e si dimmerano molto meglio della maggior parte dei driver disponibili sul mercato. E se non bastasse, possiamo anche integrare facilmente il cambio colore DT8 nel mix.

Non conosco nessun altro sistema in grado di riunire tutte queste diverse tecnologie di illuminazione a un prezzo vicino a quello di un sistema KNX. Basta un po’ di tempo di progettazione per discutere e concordare le esigenze del cliente, e potremo creare un’estetica di illuminazione straordinaria per i nostri clienti.

Simon Buddle CEng MIET, é un consulente per Future Ready Homes, e uno specialista in BMS e nei servizi ELV di design di sistemi.

www.futurereadyhomes.com

Condividi su facebook
Share
Condividi su twitter
Tweet
Condividi su linkedin
Share

SPONSORS