The e-magazine for KNX home & building control

Tutorial: Impostazione della scena KNX

Andy Ellis fornisce consigli pratici sulle diverse opzioni di memorizzazione delle scene KNX in funzione della robustezza del sistema, dell’utilizzo e dell’adattamento.

Il sistema KNX offre un’impareggiabile versatilità nella sua capacità di impostare e attivare scene, ma a differenza di molti altri controller di illuminazione, KNX non si basa sull’impostazione di scene, piuttosto le scene devono essere pianificate e impostate in base alle esigenze dell’utente finale. Le scene si basano sul fatto che diverse azioni possono essere attivate da un singolo comando. Un esempio semplice è quello di una stanza con diversi circuiti di illuminazione, che possono includere o meno LED che cambiano colore. Impostando una scena, una singola pressione di un pulsante può impostare tutti i circuiti di illuminazione su diversi livelli di lux e/o di colore.

In KNX, le scene possono essere utilizzate per molte funzioni oltre all’illuminazione: ad esempio, per impostare una sala cinematografica con la pressione di un solo pulsante. In questo modo si può abbassare l’illuminazione, tirare le tende, abbassare il proiettore e lo schermo e accendere il condizionatore.

Il sistema KNX offre una versatilità senza pari nella sua capacità di impostare e attivare scene.

In questo articolo fornirò una spiegazione delle complessità delle scene e spero che il professionista KNX sia in grado di fornire soluzioni semplici, facili da usare e affidabili per l’utente finale. Non posso dare consigli sulla progettazione illuminotecnica, che è un’area tematica a sé stante, ma raccomando di approfondire questo aspetto, poiché senza la giusta progettazione illuminotecnica, qualsiasi scenario potrebbe essere un tentativo di fare “qualcosa dal nulla”.

Considerazioni generali

Il primo passo è rendersi conto che la collocazione e la memorizzazione di una scena o di più scene richiede un’attenta pianificazione. Alcuni produttori forniscono controllori di scena dedicati – di solito dispositivi montati su guida DIN, ma relè, dimmer, interruttori, controllori di stanza, touch screen, server e dispositivi remoti (non KNX) sono tutti luoghi in cui le scene possono essere disponibili e quindi memorizzate. Senza esperienza, si è tentati di memorizzare semplicemente la scena nel primo dispositivo disponibile con una funzione di scena.

Ecco alcuni criteri a cui pensare durante la fase di pianificazione:

Quali sono le conseguenze per il funzionamento complessivo dei dispositivi controllati dalla scena se il dispositivo che la memorizza non è disponibile (ad esempio, guasto del prodotto, guasto della rete)?

Se si dispone di una stanza con diversi circuiti di illuminazione e una tenda, si memorizzano le scene in un controllore di stanza che si trova fisicamente in quella stanza (in tal caso, se si verifica un guasto, questo si ripercuote solo su quella stanza), oppure si memorizza la scena altrove?

  Come fa il cliente ad attivare le scene?

È qui che la scelta di un’installazione può essere decisiva. Prendiamo ad esempio un “semplice” interruttore a 4 pulsanti. A seconda del produttore dell’interruttore, un singolo pulsante potrebbe essere in grado di svolgere più funzioni, ad esempio premere una volta per la Scena 1 (che potrebbe essere tutta “accesa”), premere di nuovo per la Scena 2 (che potrebbe essere tutta “spenta”). Questo potrebbe andare bene, ad esempio, per il pulsante in alto a sinistra, ma i pulsanti successivi sarebbero più adatti a singole scene impostate su livelli diversi. E se si volesse introdurre una funzione di oscuramento o di illuminazione nell’interruttore?

La scena non deve necessariamente essere attivata da un dispositivo fisico. Potrebbe essere attivata da un timer (ad esempio per l’illuminazione esterna).

Una volta che esiste una scena, la stessa scena può essere attivata da dispositivi diversi o multipli, come un’app o un altro sistema interconnesso.

Come fa il cliente a identificare la scena?

Quante installazioni ho visto in cui c’è una serie di pulsanti senza alcuna etichetta! Anche dopo aver premuto ogni pulsante, si rimane ancora perplessi sulla sua funzione. Per quanto semplice possa sembrare, un’etichetta sarebbe un buon inizio, ad esempio “Kitchen party”, “Relax” ecc.

Come si modifica l’impostazione di una scena?

Se le scene sono contenute interamente all’interno di ETS, dovrebbe essere possibile impostare i pulsanti del controller locale della stanza per impostare e memorizzare la scena, ma il più delle volte si dovrà spiegare al cliente come si fa e, senza istruzioni scritte, è facile che si dimentichi come fare.

L’impostazione grafica della scena è molto più semplice, quindi perché non utilizzare l’app o la visualizzazione su PC per impostare la scena?

Portata della scena

Tutti i dispositivi hanno un numero massimo di scene e di canali per ogni scena. Al momento della pianificazione, è necessario considerare la portata della scena rispetto a tutti gli altri criteri elencati.

Memorizzazione delle scene

La maggior parte dei progetti prevede un certo numero di dispositivi in grado di memorizzare le scene, quindi per saperne di più è necessario cercare nelle schede tecniche o, meglio ancora, caricare il database dei prodotti in ETS. Ecco alcune considerazioni di pianificazione per scegliere dove memorizzare una scena o più scene:

Controllori di scena – i controllori di scena, pur essendo autonomi, facili da identificare e da espandere, sono più comuni nelle vecchie installazioni. Se si riesce a trovarne uno oggi, è probabile che sia un’opzione più costosa, soprattutto perché oggi molti dispositivi KNX hanno una portata di scena integrata.

Interruttori o controllori di stanza – ideali se si tratta di un unico luogo o di un’unica attività: ad esempio, in una cucina in cui possono essere presenti più circuiti di illuminazione, le scene per questi ultimi possono essere memorizzate nell’interruttore della cucina, mantenendo così le attività localizzate. Con più stanze in cui sono necessarie più scene, è facile esaurire lo spazio a disposizione per le scene e tentare di aggiungere le scene da una stanza all’altra. Questo può rivelarsi presto molto complicato.

Il touchpanel capacitivo Zennio Z35 è un esempio di controller d’ambiente in cui è possibile memorizzare delle scene.

Relè e dimmer – La collocazione della scena in un dimmer contribuisce a ridurre il traffico sul bus, poiché viene inviato un solo indirizzo di gruppo che, in un’installazione di dimensioni ridotte, non rappresenta un problema.

L’attuatore di dimmerazione Jung KNX LED Universal è un esempio di dimmer in cui è possibile memorizzare delle scene.

Server KNX – Un server KNX è definito come un dispositivo che ha una connessione fisica al bus KNX. Esistono diversi server KNX sul mercato, anche se a volte non è evidente che i prodotti abbiano una connessione diretta a KNX. Un server consente di memorizzare tutte le scene in un unico luogo, facilitando così la manipolazione e l’organizzazione.

BAB Technologie EIBport è un esempio di server KNX in cui tutte le scene possono essere memorizzate in un unico luogo.

Server remoti o app – fornendo a una terza parte un set di indirizzi di gruppo che include un feedback, la situazione della scena può essere allontanata da KNX. Oppure, se necessario, è possibile memorizzare la scena in un dispositivo KNX e accedervi da remoto.

Scene DALI – Il protocollo DALI-2 consente 16 scene su un loop DALI. Uno dei vantaggi del DALI è che si possono inserire fino a 64 apparecchi in un singolo loop. Questo numero di apparecchi si estende sicuramente a più stanze: anche se ce ne fossero dieci per stanza, si tratterebbe comunque di sei stanze o più. Il limite è che se abbiamo bisogno di quattro scene per stanza, non possiamo ottenere questo risultato con un controller DALI perché il protocollo DALI prevede solo sedici scene.

KNX può essere integrato con i prodotti DALI tramite gateway come (a sinistra) il gateway DALI to KNX TP di Intesis e (a destra) il gateway DALI KNX plus di Theben.

L’utilizzo di uno o più dei punti di memorizzazione sopra descritti può fornire una soluzione soddisfacente, ma ricordate che se per qualsiasi motivo il progetto deve essere riadattato, potrebbe essere necessario del tempo per capire cosa è stato fatto, quindi è consigliabile annotare un semplice schema o una descrizione.

Conclusione

Quando si pianificano le scene di un progetto, le considerazioni pratiche e operative sono molte. Fare in modo che qualcosa appaia “semplice” all’utente finale può essere una sfida, e garantire un funzionamento continuo senza problemi richiede una riflessione a monte. Come si evince da questo articolo, le variabili in gioco sono numerose e, sebbene l’impostazione di singole scene possa essere semplice, è molto probabile che emergano soluzioni diverse per i diversi progetti KNX.

Certamente le tendenze per l’impostazione delle scene vanno verso l’interfaccia utente principale, che può essere un tablet o un dispositivo portatile, dove le impostazioni delle scene possono essere modificate facilmente, ma anche gli interruttori a parete sono particolarmente apprezzabili, in quanto non si esauriscono e offrono un controllo dedicato.

Grazie a KNX, gli integratori di sistemi hanno la flessibilità di fornire alcune notevoli combinazioni di azioni e opzioni di controllo che possono non solo aumentare il comfort degli utenti, ma anche aiutare a risparmiare energia.

Andy Ellis è il fondatore e l’amministratore delegato di Household Automation Ltd e della sua consociata Knxion Ltd, che forniscono servizi di consulenza, progettazione, installazione e assistenza post-vendita nell’ambito dell’automazione degli edifici a clienti coinvolti nella realizzazione di proprietà commerciali e residenziali.

http://www.household-automation.co.uk

www.knxion.co.uk


Share on facebook
Share
Share on twitter
Tweet
Share on linkedin
Share

SPONSORS