The e-magazine for KNX home & building control

Il sistema smart home Theben LUXORliving supporta il monitoraggio energetico con KNX

Il sistema KNX e il monitoraggio dell’energia portano risparmi, oltre a maggiore comfort e sicurezza.

La società immobiliare olandese Woonborg ha costruito 36 nuovi appartamenti a Nieuw-Roden, Drenthe, e 32 appartamenti a Haren, Groningen. In termini di efficienza energetica, non si è tenuto conto solo dello standard obbligatorio BENG, ma anche del più severo standard NOM (Zero-on-the-Meter). Per aiutare gli inquilini a ridurre il consumo energetico, sono stati dotati di LUXORliving, un sistema domestico intelligente basato su KNX di Theben. Inoltre, il sistema di monitoraggio IRIS di PureDomotica fornisce informazioni sulla produzione e sul consumo di energia. In questo modo, i residenti delle case diventano più consapevoli del loro consumo energetico e i limiti energetici vengono rispettati più spesso.

Capita spesso che gli inquilini di case a basso consumo energetico ricevano bollette dell’elettricità elevate alla fine dell’anno. Forse perché hanno installato una vasca idromassaggio o perché il riscaldamento è impostato a 24 gradi con le finestre aperte. Woonborg ha voluto evitare questa situazione e si è affidato alle case NOM, di cui sono state costruite 117 negli ultimi cinque anni. Pompa di calore, sistema di ventilazione, pannelli solari, buon isolamento e il concetto è completo. L’azienda era anche alla ricerca di un sistema aggiuntivo per contribuire a un consumo energetico più consapevole e ridotto.

Il display fornisce informazioni sulla generazione e sul consumo

Gli inquilini pagano a Woonborg un canone di efficienza energetica (EPV) in aggiunta all’affitto sociale: questo permette all’azienda di recuperare parte dell’investimento. Per poter beneficiare del sistema EPV, i proprietari devono garantire l’efficienza energetica degli appartamenti NOM.

Woonborg ha incaricato PureDomotica di monitorare il consumo energetico e le entrate. Per lo schema EPV, vengono misurati i consumi della pompa di calore, del sistema di ventilazione, dell’acqua calda e la produzione netta dei pannelli fotovoltaici. I dati vengono raccolti dai contatori di energia presenti nelle abitazioni e inviati al cloud. I residenti possono vedere su un display in casa quanto hanno generato e consumato, quanto volume energetico è rimasto e come si confronta con altri periodi di tempo.

Strumento di monitoraggio dei consumi energetici

“Un problema con il NOM era che i residenti non avevano idea dei loro consumi, ma avevano un contratto per un certo volume di energia”, dice Jan van Goor di Woonborg. “La brutta sorpresa arrivava quando dovevano pagare di più alla fine dell’anno. Ora vengono sempre informati se sono imminenti pagamenti aggiuntivi”. Ma Woonborg voleva di più. Nell’attuale progetto di nuova costruzione, hanno optato per un sistema aggiuntivo composto dallo smart home system LUXORliving e da altri componenti KNX di Theben.

La domotica rende le case sostenibili più sostenibili

Marco Weg di PureDomotica spiega perché. “Utilizziamo sensori e attuatori di Theben per controllare automaticamente gli impianti. Si accendono e si spengono le luci, si alzano e si abbassano le tapparelle. Il sistema si basa su una stazione meteo KNX di Theben che controlla sei case contemporaneamente. Se un rilevatore di fumo si attiva, la ventilazione si spegne automaticamente, le tende si alzano e la luce della via di fuga si accende. Non si riduce solo il consumo di energia, ma si aumenta il comfort e la sicurezza”.

La qualità paga

Marco conosce il valore dei componenti di qualità: “La qualità dei componenti determina la qualità delle misure e dei servizi dell’edificio. Quest’ultima determina la soddisfazione degli inquilini. Theben è sinonimo di qualità. LUXORliving ci permette di ottenere il massimo del risparmio energetico e del comfort con il minor numero possibile di fronzoli. È così facile da usare che anche le persone anziane riescono a gestirlo. Con i componenti KNX, abbiamo una libera scelta di applicazioni e possiamo creare collegamenti più avanzati”.

Dall’interruttore a scatto al sensore a pulsante

Per Jan è importante che la tecnologia funzioni in modo affidabile e porti benefici. “Finora non abbiamo sentito alcuna lamentela. La tecnologia funziona, ma i residenti non se ne accorgono. Usano i moderni sensori a sfioramento invece dei vecchi interruttori. Il monitoraggio ha aumentato la consapevolezza dell’uso dell’energia. Non ci sono quasi mai sforamenti e tutti pagano l’EPV senza lamentarsi”.

Un passo avanti

Nel frattempo, PureDomotica ha ricevuto l’incarico di costruire altre 82 case utilizzando lo stesso concetto. Marco: “Qui controlleremo anche la temperatura per zona, utilizzando i sensori di temperatura dei pulsanti iON di Theben. Inoltre, possiamo leggere direttamente gli errori e le deviazioni nel sistema della pompa di calore. Questo permette di gestire ancora meglio le emergenze, la manutenzione e l’amministrazione”.

www.theben.de/solutions-en-gb/references-en-gb/knx-system-and-energy-monitoring-offer-savings-as-well-as-greater-comfort-and-safety

Condividi su facebook
Share
Condividi su twitter
Tweet
Condividi su linkedin
Share

SPONSORS